La persona malata di fronte alle scelte di fine vita.

manifesto-bioetica

Quale accompagnamento?

Come annunciato, venerdì 23 ottobre prossimo, alle 21.15, il tema sarà affrontato in una tavola rotonda coordinata da Tommaso Strambi, Responsabile della Redazione di Pisa de La Nazione.

Per cominciare ad entrare nell’argomento, abbiamo raccolto qualche spunto dalle relatrici. “Quando si parla di assistenza nel fine vita ci riferiamo a tutte le problematiche che riguardano le persone affette da patologie tumorali o degenerative, in una fase in cui la malattia non è più responsiva alle cure specialistiche e porta alla morte”. Così affronta il tema la dott.ssa Costanza Galli, Direttrice dell’Hospice di Livorno, che vive il suo impegno professionale in maniera singolare, essendo Suora delle Figlie della Carità di San Vincenzo de’ Paoli. E aggiunge: “Ovviamente le problematiche che accompagnano questo tratto del percorso di malattia, e soprattutto di vita, sono di ordine fisico-organico, ma anche e in modo speciale di ordine psicologico, sociale, spirituale ed etico”.

E la dott.ssa Angela Gioia, Direttrice dell’Hospice di Pisa, prosegue il ragionamento: “È la rete delle Cure Palliative che si occupa di questa fase dell’assistenza, avendo come scopo il raggiungimento della miglior qualità di vita possibile per i pazienti in una parte del percorso di malattia in cui diventa di fondamentale importanza il controllo del dolore e di altri gravi sintomi come la difficoltà a respirare, la nausea ed il vomito, come pure saper rispondere alle necessità di supporto psicologico, sociale e spirituale”. La rete delle Cure Palliative dell’Azienda USL5 è stata completata nel marzo 2009 con l’apertura dell’Hospice. Ci illustra la dott.ssa Gioia: “L’Hospice è la parte residenziale delle Cure Palliative ed è un luogo in cui, oltre a somministrare terapie atte a controllare i sintomi incoercibili (uno per tutti il dolore), ci si prende cura sia del paziente che della sua famiglia”.

Completerà la “terna” dei partecipanti alla tavola rotonda don Gianni Cioli, Docente di Teologia Morale, di cui avremo modo di leggere una breve introduzione sul prossimo Foglio Incontri.

Intanto segniamoci in agenda la data del 23 ottobre, dopo cena, nel Salone Parrocchiale. Passa parola…

Giuseppe Meucci