Lavori in corso

E’ un bel po’ di tempo che sul nostro Foglio non facciamo cenno di lavori in Parrocchia, sia in corso che in programma: eppure interventi, più o meno visibili, ne sono stati fatti diversi.

Intanto, passando vicino alla cappella sul Viale Giovanni Pisano, vediamo le impalcature, quindi significa che qui sta per cominciare qualcosa.

I LAVORI IN PROGRAMMA

Alla chiesa de I Passi

 

Non possiamo intervenire sulla struttura finché non avremo la certezza del finanziamento della CEI. Per il momento pensiamo di limitarci al completamento dell’illuminazione. Per il resto abbiamo detto “basta”, “fermi con i lavori”, anche se piacerebbe fare tanti altri interventi.

Perché questo stop? Semplice: dobbiamo prima pagare quanto finora realizzato. Non dimentichiamo che siamo indebitati per oltre 35.000 Euro. Invito alla collaborazione? la cifra del debito è più che eloquente.

Alla canonica e al salone

Ci sono due emergenze da riparare al più presto.

C’è stato un sollevamento del terreno all’ingresso del cortile parrocchiale che impedisce la chiusura del cancello. Sarà necessario demolire qualche metro della pavimentazione e ricostruirla, inoltre sarà necessario vedere quali danni hanno subito i motori e i bracci del cancello.

La doccia del salone è rovinata in più punti e soprattutto una calata è completamente distaccata. Dovrà essere completamente sostituita, qui il montaggio dei ponteggi è indispensabile. L’acqua calata lungo le pareti ha provocato notevoli danni anche all’interno dell’ingresso della mensa. Qui sarà indispensabile rimuovere e ricostruire l’intonaco.

Alla Cappella sul Viale Giovanni Pisano

Già da anni, secondo quanto disposto dalla legge, avremmo dovuto rimuovere la parte della copertura ancora in eternit. Sono circa 110 mq. Ovviamente questa parte del tetto dovrà essere ricostruita.

Intervenendo sul tetto è obbligo avere una “linea vita”, che purtroppo non c’è ancora e quindi andrà realizzata.

All’interno della cappella si vedono infiltrazioni d’acqua in due punti e quindi è necessario procedere al controllo e all’impermeabilizzazione.

Nell’insieme si tratta di lavori di non poco conto, la spesa prevista è di circa 95.000 Euro.

Cappella viale G.Pisano

I tetti della Cappella: la parte più chiara l’eternit da togliere

Le risorse?

Per i Passi abbiamo già parlato sopra della situazione. In S.Stefano attualmente abbiamo a disposizione circa 40.000 Euro. Davvero pochi per gli interventi che abbiamo in programma. Confidiamo che non sorgano altre emergenze e che piano piano riusciamo a coprire tutte le spese. Rimaniamo nella speranza di non dover anche qui ricorrere al prestito bancario.

Ringraziamenti

Sarebbe doveroso, anche come segno di riconoscenza verso tutti coloro che hanno contribuito o hanno prestato la loro opera come volontari, fare un elenco dettagliato di tutti gli interventi realizzati, piccoli e grandi. Per motivi spazio lo tralasciamo, invitiamo tuttavia a guardare sempre con accuratezza quanto viene realizzato; è auspicabile che tutti prestino attenzione alle nostre strutture perché sono la casa comune, che tutti si sentano chiamati a collaborare alla manutenzione perché queste si conservino nelle migliori condizioni possibili o addirittura vengano migliorate.

Anche se non facciamo un elenco dettagliato dei lavori tuttavia ci sentiamo in dovere di ricordarne alcuni più evidenti:

Presso la canonica di S.Stefano: Un parrocchiano, vedendo gli intonaci cadenti per l’umidità delle mura, sia all’interno che all’esterno, spontaneamente ha preso l’impegno di rimediare, in qualche punto, gli intonaci. Ha cominciato col sistemare i punti peggiori; poi, piano piano, in maniera metodica, ha continuato sistemando anche le piccole imperfezioni e alla fine ha rifinito il tutto pitturando con il colore del resto delle pareti. Le parti che avevano bisogno di intervento erano davvero tante e per questo il lavoro è stato molto più lungo di quanto inizialmente si potesse pensare.

Adesso, nel momento in cui scriviamo, sta finendo di riparare gli intonaci del chiesino.

Come ringraziarlo? Le giornate di lavoro sono state davvero tante e il ringraziamento non può essere soltanto mio, ma di tutta la comunità: GRAZIE ALBERTO!

Alla chiesa dei Passi il discorso è più complesso perché, anche se le parti da riparare sono tante e di enorme grandezza, per il momento l’obiettivo è stato quello di rendere un po’ più accogliete e utilizzabile la chiesa. Sono stati realizzati i servizi igienici, installato un minimo di riscaldamento, montate nuove lampade a led. Ovviamente la maggior parte di questi lavori è stata fatta dalle ditte autorizzate, ma anche qui non è mancata la collaborazione dei volontari, a loro tutto il ringraziamento nostro e di tutta la comunità.

Quanti hanno partecipato alla Messa di Prima Comunione hanno potuto constatare che la chiesa adesso è assai più accogliente.

Prima Comunione

Articoli correlati