Sostentamento dei Sacerdoti

logo-chiesa-cattolica-italiana

Domenica 20 Novembre 2016

Giornata Nazionale di Sensibilizzazione sulle Offerte per il Sostentamento dei Sacerdoti

Come funziona in Italia il sostentamento dei sacerdoti?
I Sacerdoti diocesani sono 35 mila di cui 3 mila anziani e malati, 400 missionari all’estero. Il loro sostentamento è affidato direttamente ai fedeli.

  • Tutti i sacerdoti hanno diritto ad un dignitoso sostentamento.
  • Spetta ai fedeli assicurare la remunerazione ai propri sacerdoti.

Da dove provengono i fondi?

  • Dalle rendite degli Istituti Diocesani Sostentamento Clero
  • Dalle parrocchie presso le quali viene svolto il servizio
  • Dalle offerte liberali a Insieme ai sacerdoti
  • Dal 8xmille

Quanto contribuisce una parrocchia per il proprio sacerdote?
La parrocchia nella quale il sacerdote opera contribuisce con 7 centesimi mensili per abitante trattenuti dalla cassa parrocchiale.

Come si calcola la remunerazione di un sacerdote?
Il sistema è molto semplice e trasparente, è basato sul sistema dei punti.

  • Ogni anno viene determinato il valore del punto (per quest’anno 12,36 euro),
  • moltiplicato per i punti attribuiti ad ogni sacerdote. Questi dipendono dall’anzianità, dagli incarichi svolti e dalle condizioni di servizio.

Due esempi:

  1. Sacerdote appena ordinato: Minimo 80 punti x 12,36 = 988,80 euro lordi
  2. Vescovo vicino alla pensione: massimo 138 punti x 12,36 = 1705,68 euro lordi

 

Tutti i fedeli sono chiamati a sostenere i sacerdoti nel loro ministero, in maniera libera e nella misura che ognuno ritiene opportuna. La Chiesa è come una famiglia, come tale necessita che tutti facciano la propria parte e che ci sia una presa di coscienza ecclesiale anche nel provvedere alle necessità della Chiesa stessa, ognuno secondo le proprie possibilità . E’ il principio della comunione.

Si ricorda che le offerte devono essere versate all’Istituto Centrale per il Sostentamento del Clero.

Si ricorda inoltre che le offerte versate a questo Istituto sono deducibili dal proprio reddito fino ad un massimo di 1032,91 euro annui.

Per le modalità di questi versamenti puoi consultare il depliant che trovi alle porte della chiesa, oppure sul sito.

Articoli correlati