Lunedì 11 Febbraio: Giornata Mondiale del Malato

“In forza del Battesimo e della Confermazione siamo tutti chiamati a conformarci a Cristo, Buon Samaritano di tutti i sofferenti. “In questo abbiamo conosciuto l’amore; nel fatto che egli ha dato la sua vita per noi; quindi anche noi dobbiamo dare la vita per i fratelli” (1Gv 3,16).

Quando ci accostiamo con tenerezza a coloro che sono bisognosi di cure, portiamo la speranza e il sorriso di Dio nelle contraddizioni del mondo. Quando la dedizione generosa verso gli altri diventa lo stile delle nostre azioni, facciamo spazio al Cuore di Cristo e ne siamo riscaldati, offrendo così il nostro contributo all’avvento del Regno di Dio.”. Sono parole di Papa Francesco che risuonano sempre attuali in questa XXVIIa Giornata Mondiale del Malato che si è svolta l’undici febbraio anche nella Chiesa Cattedrale di Pisa.

Impeccabile l’organizzazione di tutte le associazioni di volontariato coordinate dall’UNITALSI; ma un ringraziamento particolare, da tutti noi, va a Carla e alle sue collaboratrici della San Vincenzo Parrocchiale che, con un attento e meticoloso lavoro di comunicazione e di accompagnamento, hanno partecipato alla celebrazione con il gruppo più numeroso della Diocesi: 52 persone.

La gratuità umana è il lievito dell’azione dei volontari che tanta importanza hanno nel settore socio-sanitario e che vivono in modo eloquente la spiritualità del Buon Samaritano” (Papa Francesco)

Articoli correlati