Avvisi e suggerimenti (1)

La pandemia ha creato un’infinità di problemi e di disagi che tutti ben conosciamo: fra questi da non dimenticare che diverse coppie si sono trovate nella necessità di rimandare il proprio matrimonio, altre hanno dovuto rinviare il Battesimo dei propri bambini. A tutto questo poi aggiungere il problema di fissare altre date e l’incertezza di un ulteriore rinvio. Più grave ancora i lutti che ha creato e, oltre a questi, l’impossibilità di stare vicini ai propri cari nel momento della malattia o della morte, per qualcuno anche l’impossibilità di essere presenti alle loro esequie.

I contagi, purtroppo, non sono cessati ma tutti cerchiamo di vivere ugualmente una vita più normale possibile. Per questo motivo pensiamo sia opportuno ricordare alcune semplici norme che nel tempo ci eravamo dati e che avevamo condiviso per una migliore organizzazione parrocchiale.

Per il Battesimo: da tanti anni era prassi fissare delle date, in genere una ogni due mesi circa, per la celebrazione comunitaria. La pandemia ci ha costretti a continui rinvii e a fare la celebrazione nelle date più disparate.

Per questo invitiamo tutti, prima di fissare la data per un battesimo a chiedere quali sono le date stabilite, tra poco le pubblicheremo.

Non possiamo fare eccezioni. Adesso, con tre parrocchie, siamo più vincolati rispetto al passato, ad appuntamenti che non sempre dipendono dalla nostra volontà ma dalle situazioni. Non si chiedano date particolari neppure perché ci sono parenti lontani, tutti oggi abbiamo parenti lontani che hanno impegni di famiglia o di lavoro. Se rispondessimo a tutte le richieste… ogni domenica dovremmo fare un battesimo, e se dicessimo di sì a qualcuno, dovremmo dire di sì a tutti.

Ripetiamo: fissiamo il Battesimo in una data già presente nel calendario dell’Unità Pastorale.

Articoli correlati